La tecnica Amigurumi: curiosità e origini - Ispirando

Alla scoperta dell’Amigurumi

L’ Amigurumi è una tecnica giapponese di lavorazione all’uncinetto che deriva dalle due parole Ami ovvero maglia o uncinetto e Nuigurumi cioè peluche. Il termine Amigurumi significa letteralmente “giocattoli lavorati all’uncinetto”. Quest’arte giapponese nasce nel 2000, quando iniziò a diffondersi largamente su internet rappresentando orsetti, gatti, piantine, alimenti e tante altre creature simpatiche realizzate per piacere estetico e per decorare la casa in modo originale.

La differenza tra Amigurumi e uncinetto

Nonostante abbiano la stessa base di partenza, la tecnica Amigurumi differisce dall’uncinetto sostanzialmente perché punta a creare oggetti tridimensionali e non oggetti piatti come il classico crochet. Per questo motivo, i soggetti realizzati devono essere riempiti con l’imbottitura, quindi è fondamentale che la lavorazione non presenti fori troppo grandi da cui possa fuoriuscire l’ovatta. Per una lavorazione Amigurumi si impiegheranno quindi uncinetti molto piccoli (da 2.5mm, 3mm, 3.5mm) e filati sottili.

Libri sulla tecnica Amigurumi

Per iniziare a creare Amigurumi, vi consiglio una serie di libri davvero carini e completi che vi possano aiutare a capire le basi di questa tecnica e a realizzare, con aiuti preziosi e indicazioni precise, simpatici personaggi tridimensionali. Saranno inoltre ottimi per iniziare a prendere confidenza con la lettura delle spiegazioni e di come avviare e terminare un lavoro.

La tecnica Amigurumi

Per realizzare pupazzi Amigurumi vengono utilizzati ferri più piccoli della norma, appunto per creare una struttura con punti ben ravvicinati che non faccia fuoriuscire l’imbottitura. Ogni punto va eseguito prendendo entrambe le maglie e la base di partenza è solitamente una forma a catenella oppure il cosiddetto cerchio magico. La lavorazione dei pupazzi Amigurumi, realizzati in lana o filato acrilico, viene solitamente suddivisa in più parti che vengono unite successivamente.

Gli Amigurumi sono lavorati in tondo (oppure a spirale), quindi le spiegazioni saranno basate sui giri. Tendenzialmente, su ogni spiegazione relativa al modello, saranno indicati i numeri dei giri e il numero di maglie ottenute al termine di ogni giro.
Prima di iniziare è quindi fondamentale avere una base di conoscenza dei punti dell’uncinetto, sapere come avviare il lavoro e come tessere forme più semplici e più intricate.

Non resta che provare a utilizzare la tecnica Amigurumi e creare i simpatici animaletti all’uncinetto!

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di Ispirando,
ti aspettano nuove idee originali!