Scegliere e posizionare la carta da parati

Posizionare la carta da parati è la tecnica per eccellenza di rivestimento delle pareti. Diffusa maggiormente negli anni ’70, la carta da parati torna in voga e diventa un elemento di design perfetto per caratterizzare una stanza, un’unica parete o una porzione della stessa. Forme geometriche e moderne vanno per la maggiore, le tinte pastello o Degradè aiutano a personalizzare un ambiente senza esagerare troppo, mentre effetti di materiali come legno e mattoni rimangono intramontabili. Ma non solo, ecco nell’ultimo periodo la diffusione di tutti i trend del momento: cactus, fenicotteri, angurie e avocado che si ripetono a profusione sui muri delle case per caratterizzare l’ambiente con stile e con un tocco di spensieratezza.

Occorrente per applicare la carta da parati

  • Rullo
  • Colla specifica che contenga fungicida; una sostanza fondamentale per prevenire la formazione di muffe
  • Pennellessa: un grande pennello largo e piatto
  • Un metro
  • Una spugna
  • Una livella o il filo a piombo (perfetto per una misurazione più precisa)
  • Spazzola da tappezziere
  • Taglierino

Come posizionare la carta da parati

Per posizionare la carta da parati in modo corretto basterà seguire alcune semplici accortezze:

  1. Inizialmente occorre trattare la parete. Se sulla parete era già presente una carta da parati, eliminare eventuali residui di colla secca utilizzando la carta abrasiva. In ogni caso si consiglia sempre di levigare la vecchia vernice per garantire una maggiore aderenza
  2. Assicurarsi che la superficie sia liscia e senza buchi. In caso contrario stuccare i buchi e le fessure
  3. Prima di iniziare rimuovere tutte le placche dalle prese elettriche
  4. Tagliare a liste la carta da parati misurando con attenzione ogni parte e iniziare ad applicarla seguendo le indicazioni a seconda del tipo di carta da parati scelto
  5. Applicare la colla direttamente sulla parete tramite l’uso di un rullo o di un pennello
  6. Posizionare il primo foglio della carta da parati partendo dall’angolo della parete dall’alto verso il basso
  7. Una volta incollato il foglio, spazzolarlo con una spazzola da tappezziere per rimuovere possibili bolle d’aria con movimenti che vanno dall’alto verso il basso oppure dal centro verso i lati
  8. Procedere nello stesso modo con i fogli successivi, avendo cura di far combaciare i lati. Per rimuovere le sbavature di colla tra un foglio e l’altro, adoperare la spugna leggermente umida
  9. Una volta terminata tutta la parete, utilizzare il taglierino per rimuovere la carta da parati in eccesso e rifinire i bordi

Tipologie di carta da parati

Ecco una rassegna sui tipi di carta da parati esistenti e i consigli per scegliere la carta da parati giusta e applicarla al meglio:

  • Carta da parati in carta. La carta da parati in carta è il modello più diffuso e conosciuto. Presente in differenti spessori è composta da cellulosa e a seconda della tipologia, può presentare una superficie ruvida, liscia o brillante
  • Carta da parati in tessuto non tessuto (TNT). La carta da parati in tessuto non tessuto può essere composta da tessuti differenti, come: cotone, seta, iuta o lino. La carta TNT prevede una manutenzione molto facile ed è consigliata per superfici lisce in calcestruzzo.  Di semplice e veloce posa, sono lavabili, idrorepellenti e morbide al tatto
  • Carta da parati in vinile: questo tipo di carta da parati, conosciuta anche come sintetica,
    presenta una superficie a rilievo con effetto tridimensionale. Scegliere questo tipo di carta da parati offre il vantaggio di poter lavare la parete, infatti, essendo realizzata in due monostrati è completamente impermeabile. Data questa caratteristica, è la carta da parati più indicata per rivestire la cucina e il bagno, ma anche per la cameretta dei bambini
  • Carta da parati satinata. Per donare lucentezza ed eleganza all’ambiente, è consigliata una carta da parati satinata. La carta da parati satinata, presenta infatti un effetto brillante, è robusta e difficilmente infiammabile
  • Carta da parati 3D. Una delle novità tra le carte da parati di design, è la carta da parati 3D. Un tipo di carta da parati ecologica, composta da un materiale sintetico che permette di mostrare le figure rappresentate tridimensionalmente
  • Bordi decorativi. I bordi decorativi vengono solitamente utilizzati per decorare la parte superiore di una parete. Spesso autoadesivi, risultano molto più piccoli rispetto alla carta da parati classica e sono semplici sia da applicare che da rimuovere.

Consigli

  • Per eliminare le bolle d’aria sulla carta da parati, che potrebbero comparire qualche giorno dopo l’applicazione, è necessario forarle con uno spillo, iniettare colla all’interno della bolla utilizzando una siringa e incollare la carta al muro facendola aderire con una spugna.
  • Per scegliere la colla giusta per la carta da parati occorre individuare il modello di carta da parati e orientarsi di conseguenza: ad esempio, se una carta da parati è in cellulosa è necessario un collante a base di amido in polvere e dissolubile, mentre se la carta da parati è in tessuto. che è tendenzialmente traspirante, sarà più adeguata la colla vinilica.

Se avete in mente di applicare la carta da parati in una o più stanze della vostra casa, seguite questi pratici consigli per ottenere un lavoro senza errori e portare un tocco di freschezza all’ambiente di casa!

Tutti i modelli di carta da parati presenti nella gallery e tanti altri, sono disponibili su Murals Wallpaper.

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità di Ispirando!

buzzoole code